PIÙ SICUREZZA PER NOVAZZANO

2
11
sicurezza a Novazzano petizione
sicurezza a Novazzano petizione

Petizione

(Costituzione federale art. 33 : “Ognuno ha il diritto di rivolgere petizioni alle autorità, senza subirne pregiudizi”)
(Costituzione cantonale art. 8 lett. L : “sono garantiti il diritto di petizione alle autorità e di ottenere risposta entro un termine ragionevole”)

Più sicurezza per Novazzano

Egregio signor Sindaco,
gentili signore Municipali, egregi signori Municipali,
con la seguente petizione si chiede al Municipio quali provvedimenti abbiano intrapreso per garantire una maggior sicurezza sul territorio comunale fin dal comunicato stampa di fine 2013, con quali risoluzioni approvate e quale sia stato l’impegno economico dedicato a tali provvedimenti. Si chiede inoltre quali provvedimenti siano stati preventivati per contrastare l’eventuale incremento di atti criminali dopo la riapertura delle dogane minori voluta dal Consiglio Federale nell’ottobre scorso.
Premessa
A fine 2013, considerato il ripetersi di atti criminali anche di rilievo sul territorio comunale, il Municipio si fece promotore di un incontro con il Consigliere di Stato Norman Gobbi, in seguito avvenuto, nel quale, come da comunicato stampa , furono sostenuti dal Municipio i seguenti punti :
 
– incentivare una migliore collaborazione fra i corpi di Polizia e Guardie di Confine impegnati sul campo;
 
– richiedere il presidio dei principali valichi doganali e la chiusura notturna dei valichi secondari (coinvolgendo le autorità italiane);
 
– Eventuale introduzione di un servizio di sicurezza privato con la necessaria coordinazione della Polizia Cantonale;
 
– Richiedere alla Confederazione l’intervento con dislocazione dell’esercito nella nostra regione di confine
considerato 
– nel corso degli anni successivi fino ad oggi i media sono ricchi di spunti di riflessione circa la continua e aumentata percezione di insicurezza dei residenti del Canton Ticino (con particolare riferimento ai residenti in zone di confine come quella del nostro comune , confinante con l’italia in più punti e con più dogane aperte)
 
– nel corso dell’ultimo mese di ottobre è stata decisa la riapertura, con risoluzione federale, della dogana chiusa in periodo notturno sul territorio comunale
 
– le rapine sono aumentate ed è aumentata l’azione cruenta dei malfattori nei loro intenti criminali
vi chiedo 
– quali dei provvedimenti risolti dal Municipio nel comunicato stampa di fine 2013 sono stati realizzati?
 
– quali risoluzioni sono state proposte dal Municipio e approvate dal Consiglio Comunale sull’argomento sicurezza da quel comunicato ad oggi ?
 
– a quanto ammontano le risorse economiche destinate e attribuite a questa importante problematica dal Comune negli ultimi 3 anni ?
 
– come pensa il Comune di contrastare il fenomeno delle rapine sul territorio Comunale, in costante rischio aumento e mai come oggi di attualità considerata la riapertura notturna del valico in territorio comunale?
 
Con ogni ossequio

P.S. Leggi i nuovi articoli anche sulla nostra pagina Facebook , partecipa alle discussioni e vota i nuovi sondaggi nel nostro gruppo Facebook ,  questa è casa tua.

Pubblicità

2 Commenti

  1. Di seguito risposta del Municipio di Novazzano del 12 marzo 2018 :

    Egregio signor Introzzi,

    Ci riferiamo alla petizione denominata “Più sicurezza per Novazzano” da lei promossa in data 4 febbraio 2018.

    In risposta alle domande da lei poste osserviamo quanto segue:

    In occasione del comunicato stampa di fine 2013 da lei citato, che si riferiva alla recrudescenza delle effrazioni nelle abitazioni e ad un aumento delle rapine nel nostro Comune, il Municipio aveva promosso un incontro con il Direttore del Dipartimento delle istituzioni, con i Comandanti dei vari Corpi di polizia e delle Guardie di confine, proponendo alcuni spunti di discussione. A premessa di quanto sopra, rileviamo che le iniziative da noi richieste riguardavano aspetti che esulano dalla diretta competenza comunale, ma rientrano piuttosto nell’ambito cantonale, federale e anche intemazionale. Il Municipio, condividendo le preoccupazioni dei suoi cittadini, si è tuttavia fatto parte attiva di questa iniziativa con lo scopo di attivare le istanze preposte a trovare quegli accorgimenti che avrebbero permesso di migliorare la situazione, divenuta in quel periodo particolarmente cruenta.

    Nell’ambito delle sue competenze il Municipio si è dotato di una specifica ordinanza per il sussidio degli impianti di allarme presso le economie domestiche, in seguito esteso anche agli impianti di video sorveglianza. Questo provvedimento è stato voluto per sostenere coloro che volevano/vogliono dotarsi di un valido dissuasore che permette l’incremento della sicurezza nelle abitazioni.

    Alcuni punti da noi sollevati ad inizio 2014 sono infatti serviti alle autorità superiori per migliorare in generale la sicurezza sul nostro territorio. La collaborazione tra i diversi Corpi di polizia e le Guardie di confine è migliorata e il dispositivo approntato dai vertici cantonali è efficace. Le Guardie di confine oggi coadiuvano la Polizia cantonale e comunale prevenendo nuove effrazioni. A riprova di ciò il successo nelle operazioni di polizia riferite dai media negli ultimi giorni.

    A fine 2017 i vertici della Polizia cantonale interpellati dal Municipio, a seguito di un’interrogazione di un Consigliere comunale, hanno confermato che negli ultimi anni i reati sono sensibilmente diminuiti. 

    In merito al presidio dei valichi doganali e alla chiusura notturna dei valichi, la Confederazione, grazie a una nostra rivendicazione e a un’iniziativa parlamentare della deputata Roberta Pantani Tettamanti, ha deciso di avviare una fase di test della durata di sei mesi della chiusura di alcuni valichi secondari. Terminata nel mese di settembre dello scorso anno non siamo a conoscenza dei risultati del rapporto del Comando delle Guardie di Confine sulla effettiva necessità. Il nostro Municipio con il sostegno dei Municipi di Chiasso, Mendrisio e Stabio, ha scritto al Consiglio federale chiedendo la chiusura di tutti i valichi secondari. A tutt’oggi non abbiamo ancora ricevuto alcuna risposta al riguardo.

    L’eventuale introduzione di un servizio di sicurezza privato è stato fortemente osteggiato dalle forze dell’ordine, in quanto definito d’intralcio alle operazioni di polizia e pericoloso per l’incolumità del cittadino.

    Il Municipio aveva ancora richiesto l’intervento della Confederazione con l’invio delle Guardie dei forti (in servizio presso l’Esercito svizzero): questa misura non è mai stata adottata dalla Confederazione.

    Gradisca, gentile signora, i nostri migliori saluti.
    PER IL MUNICIPIO

    Il Sindaco Il Segretario

    (S.Bernasconi) (A.Sala)

  2. Prendo atto della risposta del Municipio di Novazzano osservando quando segue:

    – nessuna risposta è stata data circa l’investimento economico dedicato dal Municipio all’argomento sicurezza
    – il Municipio sostiene che “A fine 2017 i vertici della Polizia cantonale interpellati dal Municipio, a seguito di un’interrogazione di un Consigliere comunale, hanno confermato che negli ultimi anni i reati sono sensibilmente diminuiti.” mentre il rapporto di Polizia ufficiale presentato qualche giorno fa presenta un consuntivo di aumento delle rapine nei Comuni di confine di ben l’87% , cioè praticamente raddoppiati!

    Lascio al lettore libera interpretazione di questa risposta tanto evasiva quanto incompleta, io un idea ben precisa me la sono fatta.