PREMI CASSA MALATI: limitare l’onere alle famiglie.

0
116
Premio cassa malati: massimo 10% del reddito famigliare
Premio cassa malati: massimo 10% del reddito famigliare

Premi cassa malati massimo al 10%

Oggi nella seconda giornata di congresso il PS, riunito per l’occasione a Windish (AG), ha lanciato la propria iniziativa per moderare l’onere della cassa malati ai cittadini “bloccandolo” ad un massimo del 10% del reddito a disposizione delle famiglie.

La lodevole iniziativa è stata presentata dalla consigliera nazionale sangallese Barbara Gysi osservando tra l’altro che “i premi esplodono, ma per i salari non è lo stesso”.

La stessa ha fortemente criticato il Consiglio Federale sul tema “promesse non mantenute” e ha richiamato a modello il Canton Vaud dove da settembre i premi non possono superare il 12% del reddito dell’economia domestica (10% dal 2019)

Ma è fattibile? Quanto costa ?

Il PS stima costi supplementari al sistema tra i 3.2 e i 4 miliardi di franchi.

Alla fine i costi dei premi (lamal) non sono nient’altro che la ripartizione dei costi della sanità dell’anno precedente quindi .. dove si prenderanno i soldi mancanti del conto della spesa? E’ dato sapersi nell’iniziativa?

E mentre aspettiamo una soluzione ..se la smettessimo di regalare miliardi in giro per il mondo senza chiedere nulla in cambio e pensassimo invece alla copertura di queste spese in aiuto ai residenti non sarebbe meglio ?

Non fatevi rubare l’orsetto, occhi aperti per il 2019.

Stefano Introzzi – Redazione TicinoResidenTI

#TicinoResidenTI #ticinesi  #PS #premicassamalati #assicurazionemalattia #premio10% 

Foto: fonte Google

Sottoscrivete la Petizione

Grazie TicinoResidenTI per le centinaia di firme già pervenute in questi giorni a supporto della nostra petizione al Parlamento Ticinese per richiedere una gestione più trasparente delle commesse dirette in tema di appalti pubblici. Per chi ancora non l’avesse fatto puo’ firmare qui:

 

E’ ora davvero di far sentire la nostra voce e mi raccomando, informatevi bene per un voto consapevole nel 2019.

Pubblicità