MIGRANTI – Italia e UE hanno poco da insegnarci sull’accoglienza

0
212
MIGRANTI - Italia e UE hannopoco da insegnarci sull'accoglienza
MIGRANTI - Italia e UE hannopoco da insegnarci sull'accoglienza
- Pubblicità -

L’appello a Bosia Mirra

Ieri è andato in scena il processo d’appello per Lisa Bosia Mirra, che ha aiutato, sia facendo la staffetta sia in altri modi, dei clandestini a entrare in Svizzera. Un caso, si ricorderà, che fece tanto discutere. Lei pone l’accento sulla coscienza e sulle situazioni dei migranti che incontrava.

- Candidati Federali 2019 -

L’inferno di Como

Il 2016 fu l’annus horribilis, con migliaia di rifugiati accampati a Como, senza una necessaria accoglienza. Bosia Mirra parla dei casi che ha visto, di una persona che aveva tentato il suicidio (se ne accorse vedendo i segni dei tentativi di rianimazione), di altri che in patria avevano subito stupri e torture, ma che non venivano aiutati in nessun modo.

La situazione accoglienza in Italia era spaventosa. E pensare che spesso il Belpaese e l’UE, di cui fa parte, vogliono insegnare a noi. Quelle persone finita abbandonate a loro stesse sono il risultato delle politiche migratorie europee, che permettono che arrivino a migliaia ma poi non si occupano di loro.

Ora si ricomincerà con le emergenze?

Matteo Salvini aveva dato un giro di vite all’arrivo indiscriminato di navi. Adesso, con il nuovo Governo, probabilmente gli sbarchi riprenderanno. E ci saranno altre Como? Si teme di sì. Ci saranno altre emergenze anche da noi? Potrebbe essere. Ma che Italia e UE, dopo aver visto Como, non cerchino di mostrarci come comportarci!

Seguiteci, siamo la vostra voce e questa è casa vostra!

Laura Valdene – Redazione TicinoResidenTi

Fonte foto : Google

#TicinoResidenTI #lauravaldene #LisaBosiaMirra#processod’appello#condizionidisumane#como

Sei residente in Canton Ticino? Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook TicinoResidenTI e iscriviti gratuitamente nel gruppo TicinoResidenTI; siamo la tua voce, questa è casa tua

- Pubblicità -