FLESSIBILITÀ IN NOME DEL LAVORO: FLESSIBILITÀ E DEDIZIONE

0
70

Quanto siete flessibili e dediti al lavoro?

 

da uno spunto di Ticinonews.ch

Come mai un datore di lavoro, che dovrebbe avere un’ampiezza mentale di 360 gradi, è prevenuto di fronte alla candidatura di una mamma? Non abbiamo modo di sapere se le poche righe di racconto che abbiamo letto da Ticinonews siano effettivamente di vita vissuta e quanto si verifichino nella realtà del mondo del lavoro.
Pare però che difronte alla candidata IDEALE, la parola figlia abbia ghiacciato l’entusiasmo del possibile datore di lavoro, senza aver nemmeno chiesto come fosse organizzata per conciliare figlia e lavoro.

Il problema è comunque sentito e discusso in lungo e in largo, fino ad essere oggetto di due recenti interventi parlamentari a livello di camere federali.
Sì perché il mondo insegna che un affare è tale quando ambo le parti ne traggono un profitto. Altrimenti una delle due parti ne guadagna solo una sonora fregatura, che prima o poi arriverà alla cassa.

Quindi tutti dipendenti flessibili e dediti  nel nome della produttività.

Ma quanto il vostro datore di lavoro è flessibile e dedito verso le sue risorse umane?

Personalmente ho molto a che fare con realtà della Svizzera tedesca e romanda, in un settore particolare e molto tecnico.

Vedo però una distensione particolare nel lavoro di tutti giorni, con piena organizzazione in un’altrettanta piena flessibilità sia da parte del o della dipendente, sia da parte del datore di lavoro, basate sul principio degli obiettivi.
Cliente soddisfatto, datore di lavoro rilassato e collaboratori felici.

Da una piccola ricerca si riscontra però che il punto di vista dell’Unione Svizzera degli Imprenditori è invece piuttosto scettica e descrive una realtà diversa.

A loro dire, gli associati sostengono che i lavoratori chiedano maggiore flessibilità nei propri confronti, ma poi quelli che in effetti ne potrebbero fare uso sono un numero molto esiguo e limitato a classi elitarie come i dirigenti e gli specialisti.

Quali sono gli atteggiamenti dei vostri datori di lavoro?

Continuando nella lettura della presa di posizione sulle proposte parlamentari da parte dell’Unione Svizzera degli Imprenditori, veniamo gelati e paralizzati da questa affermazione che riportiamo tale e quale
“Del resto, è evidente che per i lavoratori in team e i dipendenti legati agli orari – in altre parole tutti coloro che non dispongono di autonomia in materia di durata del lavoro – non cambierà nulla. Inoltre, tutti i datori di lavoro non faranno certamente uso delle nuove disposizioni in questione.”

e continua con

“Inoltre, è per lo meno discutibile dichiarare che l’esenzione dall’obbligo di determinare la propria durata di lavoro equivalga a un «deterioramento delle condizioni di lavoro» e corrisponda all’obbligo di essere disponibile praticamente 24 ore su 24”.

Noi di TIcinoResidenTI non possiamo accettare queste affermazioni e attendiamo le vostre esperienze e i vostri punti di vista.

Pietro Righetti – Redazione TicinoResidenTI

#TicinoResidenTI #pietrorighetti  #economia #lavoro#economiacorretta  #datoridilavoro #flessibilità

p.s. venite a trovarci anche sul sito principale www.ticinoresidenti.ch e seguiteci anche sul profilo instagram https://www.instagram.com/ticinoresidenti/, siete i benvenuti

P.S. Leggi i nuovi articoli anche sulla nostra pagina Facebook , partecipa alle discussioni e vota i nuovi sondaggi nel nostro gruppo Facebook ,  questa è casa tua.

Pubblicità