DUMPING SALARIALE : quando un terzo del salario lo restituisci in Italia 

1
362
DUMPING SALARIALE : quando un terzo del salario lo restituisci in Italia 
DUMPING SALARIALE : quando un terzo del salario lo restituisci in Italia 
- Pubblicità -

Bancomat a Brescia

Grande risalto e molti commenti nel nostro gruppo TicinoResidenTI riguardo un post che evidenzia come operai italiani ingaggiati a Ginevra per lavorare sul cantiere di Venier dove sorgerà il nuovo deposito dei tram cittadini, percepirebbero un salario minimo di 4350.- chf, corretto quindi in busta paga, ma una parte, circa un terzo, verrebbe poi decurtata mensilmente e ripresa direttamente dal datore di lavoro in Italia attraverso il prelevamento di denaro contante da bancomat a Brescia.

Denuncia uno degli operai : “Abbiamo dovuto aprire dei conti bancari in Italia. il capo ha potuto riprendere parte del salario direttamente da questi conti. L’accordo era questo. Se non avessi accettato, non avrei ottenuto il lavoro in Svizzera“. Parliamo di circa 1500 € ripresi mensilmente su ogni singolo salario erogato dal datore di lavoro.

- Candidati Federali 2019 -

Situazione di sfruttamento

La denuncia arriva direttamente dal sindacato UNIA che avrebbe raccolto le testimonianze degli operai e approfondito con controlli completi sull’operato della ditta in questione. Stiamo parlando di circa 50 operai, tutti provenienti dal Sud Italia ed inviati a lavorare in Svizzera regolarmente in virtù degli accordi bilaterali con l’Unione Europea.

La Zaffaroni, la Elettrosa e la ditta dei trasporti pubblici di Ginevra, la Tpg, negano tutto. “Non siamo a conoscenza di questa pratica, noi abbiamo incaricato operai inviati da un’impresa interinale in Italia che noi paghiamo per questo“, ha dichiarato Salvatore Amore, portavoce di Zafferoni nel cantone Vaud.

Un altra vicenda da aggiungere alla tante schifezze e situazioni simili che quotidianamente ci segnalano i residenti soprattutto in Ticino. Grazie a chi ha voluto gli accordi bilaterali, grazie alla libera circolazione, grazie alle agenzie interinali.

Stefano Introzzi – Redazione TicinoResidenTI

Sei residente in Canton Ticino? Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook TicinoResidenTI e iscriviti gratuitamente nel gruppo TicinoResidenTI; siamo la tua voce, questa è casa tua.

- Pubblicità -

1 commento